Archive for the Category »Senza categoria «

Sveglia alle 07.30; la ragnatela di traversini incombe sulla nostra possibilità di salpare. L’austriaco con il Santorin al mio fianco è già sveglio e sta togliendo i suoi. Io vado a bussare sulle altre barche e alla 08.30 riusciamo a risolvere l’intreccio. Si salpa con venticello sui 10 kn da ENE, tenendo a riva genova e mezzana ( vento al giardinetto) e qualche giro di motore, per mantenere la velocità di almeno 6 kn. Dopo circa un’oretta il vento rinfresca e solo a vela facciamo 6.8 kn.
Navighiamo sulla costa orientale di Kitnos e la giornata, molto limpida, ci fa godere una vista bellissima sulle molte isole che ci circondano.
Arriviamo nella rada di Livadia ( SERIFOS) verso mezzogiorno. Ancoraggio lungo ( 60 m ) sia perché abbiamo la prua a nord ( … se arrivassi meltemi !) sia perché il fondo non è gran che; sabbia,su fondo duro, e alghe.
Al momento ci sono una decina di barche , ma alla sera saremo circa un ventina.
L’isola è più verdeggiante rispetto a Kitnos e soprattutto c’è una Chora veramente stupenda, abbarbicata su un picco imponente che incombe sulla rada.
Spesucce alimentari, con panino farcito come pasto … talmente farcito che con un apericena siamo a posto per tutta la giornata !
E’ finita la Retzina, domani bisognerà rifare sorta !
Giretto per il paese, fino alla spiaggia ad arco che chiude la baia, di sabbia fine, molto bella, delimitata dalla strada da una fila di profumati alberi di tamerice.
Domani affitteremo uno scooter per raggiungere la vetta , qui lo scooter costa il doppio che in Dodecaneso ( 20 € per giorno)
A sera pochissimo vento da SE, ma soprattutto ( incrociando le dita) buone notizie dal Gaslini !
Credo che questa sera torneremo …… a rimirar le stelle, non senza un goccetto di Metaxa !

Category: Senza categoria  Comments off

Notte beata, vento da W si alza presto questa mattina alle 09.00 ci sono già 10 – 15 kn. Cielo sereno , 20 °C.
Già qualche barca è salpata molto presto, in rada, fuori dal porto c’è un grande sloop blu.
In mattinata il vento aumenta di intensità e cominciano ad arrivare le barche, naturalmente il cinema è interessante … succede di tutto. Al nostro fianco è arrivato un AMEL – Santorin Austriaco con uno skipper “ spider “ !! Ha tirato tante di quelle cime a poppa, a prua, traversini, springs sopra e sotto vento che Patchouli è rimasta praticamente chiusa in una grande ragnatela !!
Spesuccia al piccolo supermercatino, e programmi per il prossimo giorni, anch perché il meteo non promette nulla di buono !
Pomeriggio dedicato alla GP di Montecarlo, alla fotografia ( riordino e classificazione delle foto da pubblicare sul sito) ed alla lettura … .in attesa di notizie sul nostro amato nipotino !
Le notizie di oggi per Giacomo sono confortanti …. ma sono abituato a non cantare vittoria troppo presto ! Speriamo !!!!
Un pensiero a mio piccolo Giacomo !
Facciamo acqua, e poi a cena a terra.
Andiamo dalla Yacht Club Sofrano, con tavolini sulla spiaggia. Mangiato bene e speso un po’ sopra la media ( 50 €).
Vento non molla …. Vedremo domani !

Category: Senza categoria  Comments off

Questa mattina salpiamo alle 07.00 e percorriamo verso sun la costa di Serifos per poi risalire verso Kithnos.
Per circo un’oretta abbiamo il vento al traverso e navighiamo a vela, ma quando abbiamo scapolato la punta a sud dell’isola il vento di presenta ….. Come era previsto, da W, su naso.
Per fortuna ci sono solo 8/10 kn e il mare non è molto formato. Si va a motore perché i bordi sarebbero veramente a perdere e non vogliamo arrivare troppo tardi a LOUTRA dove i posti, nel piccolo porticciolo, sono veramente pochi.
Arriviamo a Loutra alle 12.00 e troviamo in banchina un buon posto all’inglese, dietro a un motor yacht.
Ci accoglie Stavros, aiutante di Dimitri, i fac totum del porticciolo ( +30 695 5818183).
Acqua e Elettricità in banchina, costo per i due giorni che abbiamo deciso di passare qui 32 € …. con accesso WiFi Gratis (dimos kytone Hp : Login : user , PW : user ).
Purtroppo arriva la brutta notizia che Giacomo il nostro nipotino più grande ha avuto un incidente ad un occhio e questa notte è stato operato d’urgenza …..siamo decisamente giù di morale !…..sepramo in bene !
Per distrarci, laviamo a fondo la barca che era piena di terra e sale.
Nel pomeriggio facciamo una breve giterella fino alla spiaggia dove ci sono sorgenti termali e dove ci mettiamo a mollo in acqua caldissima per un’oretta.
Il porticciolo si è nel frattempo riempito anche di mega-gommoni verosimilmente provenienti da Lavrion sulla costa continentale.
Serata molto triste …. in un posto incantevole e tranquillo !

Category: Senza categoria  Comments off

Notte ventosa fino alle 03.00. Il meteo diffuso dal Navtex continua a dare Gale 7- 8 con attenuazione nella sera di oggi, peraltro confermato dai vari siti internet.
Ho provato questa mattina un collegamento WiFi con una rete di cui il francese ormeggiato alla nostra poppa mi aveva dato la PW. L’antenna prende un sacco di segnali e bene, ma non sono riuscito a collegarmi nonostante il computer mi dicesse che ero connesso …. la mia solita ignoranza nell’utilizzo di questa macchina infernale ! Vedremo di risolvere .
Verso mezzogiorno arriva l’omino che ci aveva aiutato ad ormeggiare e ci da consigli sulla prossima meta l’isola di Kitnos.
Il pomeriggio è dedicato a lavori; verniciatura con flatting della tavoletta di prua, verniciatura dei bordi di legno dell’ingresso sottocoperta, lucidatura degli acciai e revisione di tutte le fascettature. Per finire siliconatura di tutti i bozzelli e rinvii.
Vengono riposte nel gavone di poppa le bici .
A cena Paola si cimenta in una sontuosa pizza con capperi, olive, roquefort e crudo in uscita ….. sontuosa !
Il vento è prevalente da W sui 10 kn ed il barometro è risalito fino a 1014 mb; cielo sereno e tramonto “pulito “ !
…..questa sera sì a rimirar le stelle ed una bellissima luna piena !

Category: Senza categoria  Comments off

Finalmente è arrivato … questa notte c’è stato un piovasco verso le 4 , poi è cominciato il vento da SW. Viene a raffiche anche superiori ai 25 kn…….superiori !
Barca in sicurezza, un po’ di puzza di gasolio che proviene da una centrale termoelettrica.
Il barometro è sceso di 4 punti e ora siamo a 1006 mb.
Cielo grigio topo. Temperatura 24 °C.
Questa mattina un po’ di pulizie a bordo, poi si va con le bici in città.
Pedalata salutare; arriviamo in circa a 10 minuti …. Sembrava più lontano !
Parcheggiamo ad un palo le bici con lucchetto e ci aggiriamo per i vicoli della città. Stile assolutamente diverso da quello cicladico, case a 2 o ,3 piani in tipico stile neoclassico, grande uso di marmi, strade selciate con lastre di marmo che trovano la massima espressione nella piazza MIAOULI dove c’è il Comune, il Tribunale ed un museo.
Dietro, alla destra del Comune, c’è il teatro APOLLON che richiama ( vagamente) la Scala di Milano.
Passiamo anche a dare una guardata al porto interno; ci sono 6 barche che ballano alla grande con onda in prua e risacca in poppa !!
Visitiamo poi la Chiesa EPISCOPI METARMORFOSSI , ortodossa, con magnifici soffitti azzurri stellati e preziosissimi quadri e icone sacre.
Sulla via dl ritorno troviamo finalmente delle belle acciughe fresche, pignoretti ( piccoli pesciolini da frittura), e un fornitissimo supermercato dove facciamo il resto della spesa.
Al rientro Paola per prima cosa prepara le acciughe sotto sale …. e poi un fresco bicchiere di retzina !!
Dopo la dovuta pennichella fatto qualche lavoretto di pitturazione ( nonostante il ventaccio) e sistemato cavo della’antenna SSB.
Arrivano alcune barche che erano ormeggiate in città e due altre una da Mykonos e l?altra da Naxos …. bagnati fradici e un po’ “stanchi” !
Cielo rasserenato per cui, con felpa …………. A rimirar le stelle ( per poco !)

Category: Senza categoria  Comments off

Dimenticanza di ieri : a Mykonos l’ormeggio non si paga !!
Verso le 20 di ieri il vento ha completamente mollato. Di fronte a noi è arrivato un Amel 54 francese (CAVALE what means ?).
Notte pacifica, a parte il casino che veniva da due barche con equipaggio russo, tutti giovani con alcuni che conoscevano l’italiano perché avevano studiato a Perugia e che avevano chiesto di vedere Patchouli, nel tardo pomeriggio.
Questa mattina sveglia alle 06,30 …. perché non avevamo più sonno !
Si salpa alle 07.00 direzione Syros, la sua cittadina Ermopouli.Navigazione tutta a motore su un mare di piombo senza una bava d’aria …… e con la nebbia. Vediamo l’isola quando siamo a 2 miglia !
La città si presenta completamente diversa dalle cittadine cicladiche incontrate fino ad ora. Si inerpica su due colline adiacenti con una architettura di tipo neoclassico con fortissime influenze veneziane.
Al centro del porto c’è un grande cantiere navale con bacino di carenaggio.Facciamo un giro verso il porto interno, quello nella città con ormeggi prorio di fronte a ristorantini ed a una strada; i tavolini sono praticamente contro le poppe delle barche;
Vi arriva onda fatta dai traghetti in entrata e il portolano dice che si forma onda con vento forte dai quadranti meridionali …. e domani e dopo sono previsti 30/35 kn da S e SW .
Decidiamo che non è cosa e ci dirigiamo verso il porticciolo nuovo , come al solito mai finito, senza acqua ne corrente elettrica ( 70 % messo dalla EU … quando bisognava mettere il rimanente 30 % , i greci hanno fatto “cipirimerlo“ e tutto si è ovviamente fermato).
Qui il ridosso è totale e veniamo aiutati da un indigeno che poi mi racconta tutto della sua famiglia e del suo lavoro, simpatico !
Prima di mezzogiorno arriva l’Amel 54 che era con noi a Mykonos.
Nel pomeriggio il porticciolo si riempie , infatti arrivano altre 9 barche.
Il tempo è assai grigio ma per ora il vento non è ancora arrivato anche se il meteo dice Beaufort 8/9 su Ionio. Tuttavia l’atmosfera è pesante con alta umidità, come avviene prima dell’arrivo di un fronte.
Serata a rimirar …. il grigio !

Category: Senza categoria  Comments off

Martedì, Delos aperto al pubblico, sveglia alle 07.00 controllo barca, colazione, si va ad affittare scooter (15 €).
Andiamo in città; alle 08.30 è già piena di turisti vomitati a terra da 3 grandi navi all’ancora.
Parcheggiano lo scooter e ci avviamo all’imbarcadero del traghetto che ci porterà a Delos ( 17 € per persona). Sbarcati , ingresso alle rovine …. perché purtroppo sono quasi solo rovine, paghiamo l’ingresso sfruttando la nostra vetustà età; 3 € per gli over 65 !
Gironzoliamo tra i blocchi di marmo, mozziconi di colonne, grandi leoni ( famosi perchè presenti su tutti i libri di storia scolastici) in copia ( gli originali ad Atene), qualche mosaico ….! Non un gran che( Efeso era stata un’altra cosa) , se non l’atmosfera ed il pensiero che và al passato quando qui doveva esserci veramente una grande oasi di civiltà e di bellezza.
Stanchi per la bella camminata riprendiamo alle 12.00 il traghetto e rientriamo in barca ….. … per fortuna !!!!! La cima di ormeggio di prua che ci avevano dato è quasi completamente sfilacciata e sta per rompersi !!!
Ricerca affannosa di un altro pendino che per fortuna troviamo sotto la barca e che ci permette di metterci finalmente in sicurezza !! Tutto ciò perché la calma di questa mattina si è trasformata in un bel NW sui 20 kn e anche di più.
Ormai rilassati ci facciamo una pennichella .
Ore 18, si va a visitare la Chora. Arriviamo in scooter dietro i 5 mulini e ci infiliamo nelle viuzze dietro “little venice”. Tutti negozietti e discreto numero di turisti, ma si gira bene.
Andiamo a vedere le “cinque chiese” ma erano chiuse e ci accontentiamo di un giro esterno.
Al rientro aperitivo con internet poit che mi permette di lavorare un po’ gratis.
Domani …. Se tutto ok, si va a Skyros, Ermiopouli.
By By

Category: Senza categoria  Comments off
20
Mag

Notte di assoluta tranquillità, neppure un rumore se si eccettua qualche belato in lontananza.
Barca fermissima e assenza di vento.
Ore 06.30 ,i francesi sulla barca charter dormono , pochissima umidità e moderata brezzolina da NE.
Prepariamo la barca , si fa colazione ed alle 07.45 si salpa in direzione di Mikonos ( circa 35 mg).
Il mare è un olio e si procede a motore tra Naxos e Paros, facendo attenzione ai numerosi scogli e bassi fondi che sono numerosi specie lungo la costa di Naxos.
Alle 09.30 ci sfila a sinistra il traghetto della Blue Star che va a Naxos.
Ore 10.00 siamo franchi da Naxos , a sinistra c’è ancora Paros e facciamo rotta per N, verso Mikonos ( ancora circa 20 mg).
Ore 13,30 entriamo nel nuovo porto di Mykonos . Come è noto a tutti è uno squallido rifugio a circa 2 km dalla Chora, ma ben ridossato. Ci accoglie un “marinero” un po’ approssimativo che ci passa una trappa tutta incrociata che dobbiamo sbrogliare con l’equipaggio di una barca vicina per metterla in chiaro …… ! Niente elettricità, niente H2O .
Alla banchina esterna ed in rada ci sono 3 grandi navi da crociera.
Siamo approdati qui sia per dare una guardata a Mykonos sia per andare a visitare Delos domattina, con un taxi boat …. Paola non si fida a lasciare la barca alla fonda a Delos senza nessuno a bordo … e forse ha ragione.
Giornata veramente calda, alle 19 ci sono 30 °C .
Si va a terra per prendere un aperitivo e fare qualche spesuccia alimentare … dico qualche perché qui tutto costa più del doppio che nelle altre isole !
Entro il tramonto il porticciolo si riempie, un po’ all’ancora un po’ come gli viene !
Cenetta in pozzetto con spaghetti in guazzetto di pesce , uno spettacolo !
Serata a rimirar le stelle !!

Category: Senza categoria  Comments off

Notte tranquilla, calma di vento. Alle 07.45, sistemata barca, pulita la povere di cemento proveniente dalla banchina, si salpa. Oggi riprendiamo a far funzionare il dissalatore, non tanto per avere acqua quanto perchè farlo funzionale lo mantiene in perfetta efficienza ( due orette).
Rotta verso le Piccole Cicladi, Isola di Skinoussa la rada di Mersini. Navigazione a motore con assenza di vento e mare calmo ; quest’anno, per ore, mi sembra di essere da noi,o niente vento o troppo vento !
Entriamo in rada alle 10.45. Lo spazio per brandeggiare all’ancora è veramente limitato e in banchina gli unici due posti disponibili sono occupati !
Decidiamo perciò di risalire fino all’isola di Naxos ( la più grande delle Cicladi) dove, sulla costa meridionale, il portolano indica una rada con un porticciolo sicuro : Ormos KALANDO.
Fu a Naxos che l’ingrato Teseo abbandonò Arianna, che lo aveva aiutato a fuggire dal Labirinto del Minotauro e che Catullo così descrive”…. infelice, lasciata su di un lido deserto …”.
Arianna però si riprese presto, trovando consolazione tra le braccia di DIONISO, dio greco del vino e dell’estasi.
Naxos è famosa per la coltivazione del uva.
Arriviamo a Kalandos alle 12.00; il porticciolo è riparato “ ALL AROUND” e vi è anche spazio per ancorarsi in rada verso W.
Per imbarcazioni sopra i 12 m, ci sono al massimo 4 posti all’inglese lungo l’unico moletto che parte dalla banchina di terra; profondità adeguate sui 3 m.
E’ disponibile H2O ed Energia Elettrica fornita da un addetto locale.
Nessun altro servizio se non quello di un bar che apre però solo in alta stagione.
Servizio taxi su chiamata telefonica, in rada c’è una bellissima spiaggia ad arco di sabbia fine con acque limpide.
Non vi sono centri abitati nelle vicinanze; tranquillità assoluta in compagnia di alcuni piccoli pescherecci che possono fornire pesce freschissimo. Noi abbiamo preso triglie e dentici belli grossi ( 1 Kg) per 25 €
Costo ormeggio per Patchouli 13 €, energia elettrica 5 €, acqua (500 l) 4 €.
Pomeriggio di assoluto relax con piccoli lavoretti.
Paola si mette a fabbricare tendalini.
Ore 17.00 PRIMO BAGNO DELLA STAGIONE
Paola per il momento si astiene ….. Ma l’acqua era ad ottima temperatura !
Serata serafica; domani 35 miglia verso nord …..dove….dove Eolo e Nettuno ce lo permetteranno !!!!

Category: Senza categoria  Comments off

Notte con rafficone fino alle 4; arrivano due traghetti facendo un bel casino.
Poi il vento cala progressivamente e all’alba è solo una brezza.
Cielo abbastanza sereno, con un po’ di foschia. Decidiamo per il giro dell’isola con scooter, affittato da Thomas alla fine SW del paesino. Ci da qualche indicazione e anche un indirizzo di ristorantino.
Prima tappa al Monastero di Hozoviotissis, abbarbicato su uno strapiombo di roccia della costa sud .Passiamo per la Chora ( o Hora), il vecchio insediamento ,capitale dell’isola. La cittadina è posizionata su di un cucuzzolo e circondata da mulini a vento, tipicamente cicladica. La strada porta verso la costa ad un parcheggio dove lasciamo lo scooter e ci avventuriamo in una estenuante salita con numerose soste.L’ingresso è una porticina di 1,50 m e si entra in un dedalo di scale in cui ci guida uno dei tre monaci rimasti. Nella stupenda chiesa del monastero c’è una Icona miracolosa trovata in mare che la leggenda dice fosse arrivata addirittura da Gerusalemme !!
Il monaco, gentilissimo, anche se praticamente parla solo greco, ci ospita, dopo la visita, in un salottino, dove ci offre un liquore fatto da loro e un freschissimo ( assai apprezzato) bicchiere di acqua ! Il ritorno allo scooter è decisamente più confortevole anche se il caldo è aumentato.
Facciamo poi un giro per le impervie strade fino alla costa sud dove anni addietro Luc Bresson girò il film “ Le grand Bleu” e dove in una rada si vede lo scafo affondato del piroscafo Olimpia; un copia in piccolo della rada del relitto di Zacinto.
Ritorniamo poi ad Hora e ci dirigiamo verso la costa NE al villaggio di Egiali, posto di fronte ad un isolotto e dotato di una bianchissima spiaggia …..molto carino, ma si vede subito che è dedito totalmente al turismo.
Da li saliamo per 4 km a LANGADA piccolo villaggio cicladico abbarbicato sulla montagna con vista stupenda sulla baia di Egiali. Troviamo la taverna indicata dal noleggiatore di scooter, non senza qualche difficoltà, perché situata nel bel mezzo dell’intrico delle stradine del villaggio, tutte bianche, tutte uguali !
Mangiato benissimo, con sapori nuovi e speso come al solito circa 15 € a testa .
Rientro a fini archeologici verso la antica Minoa, dietro Katapola; qui sono state ritrovate le più antiche e ben conservate statuette della civiltà Cicladica ( ora tutte ad Atene). Il sito non è gran che, ma ci dovevo andare. Non abbiamo invece trovato un cimitero di età Micenea, segnalato da cartelli fino a un certo punto poi ….?
Si rientra in marca. Barometro 1016, T:30°C, la banchina si è praticamente svuotata e in rada è appena arrivato un grande tre alberi.
Ore 16.30, ora un po’ di relax non guasta.
Verso le 20 dopo un altro giretti per l’isola consegnato scooter.
Il porticciolo è molto vuoto, di fianco a noi ad una certa distanza c’è l’AMEL 54 e dopo l’approdo del traghetto altre 5 barche.
Serata con film e poi dormire; Modesta brezza,- Domani si andrà o a Shinoussa o a Naxsos, vedremo.

Category: Senza categoria  Comments off