Author Archive

Salpiamo alle 8.30 da Patmos dopo ver fatto rifornimento di pane e bevande.
Navigazione a vela fino a 2 miglia da Arki con un dolce mentemi al traverso.
Entriano nell’unica rada abitata; in banchina solo una barca; ancoriamo su 60 m di catena.
A terra poche case , 2 ristorantini e un baretto ! Ambiente tranquillissino, con acqua caraibica e due spiaggette vicinissime dove ci rechiamo per fara dei meravigliosi bagni !
Giornata rilassante anche se la calura non è indifferente, montiamo anche il grande tendalino di poppa che ci salva dal sole cocente.
Sera al ristorantino da NIKOLAS dove ci ha consigliato di andare Xavier che abbiano incontrato all’ingresso della rada che stava salpando. Ci siamo dati appuntamento a Pitagorion (Samos) per Domanica o Lunedì prossimi.
Al ristorantino abbiamo mangiato benissimo, gustando piatti non usuali, calameri e pesci e spendendo circa 20 € a testa .
Notte

Category: Senza categoria  Comments off

Dopo una notte ventosa propiziata dalla presenza di Nello (Dufour), al mattino salpiamo per il porto di Skala (Patmos). Ci eravamo stati 30 anni fa in una crociera con “l’Espresso Corinto”, comandata dal Cap. Pecchioni di Loano. Io facevo il medico a bordo. I ricordi sono un pò confusi, ma la cittadina è profondamente diversa, con molte più case e negozi. Ora è decisamente una meta “turistrica”. In rada c’è una moderna nave passeggeri ed um grande brigantino a tre alberi.
In banchina una piccola nave da crociera. All’interno della rada c’è un marina tipo greco, cioè non finito, invaso da numerose imbarcazioni locali ed una banchina per le barche da diporto. Troviamo facilemnte ormeggio e appena arrivati ci contatta una addetta della municipalità che ci da imformazioni e ci dice che dobbiamo andare dalla Guardia Costiera e pagare la tassa prevista.
Affittiano subito 3 motorini e programmiano le nostre visite all’isola. Prima vado alla Cap dove una gentile militaressa mi dice che posso andare, senza pagare nulla !
Andiamo alla grotta dell’Apocalisse dove S. Giovanni avrebbe dettato l’ultimo libro della Bibbia. Poi ci inerpichiamo fino al Monastero fortezza di S. Giovanni Apostolo.
Le memorie mie e di Paola non corrispondolo a quanto ritroviamo…..il tempo cambia le cose o cancella le memorie….forse più le seconde.
Con i mezzi motorizzati giriano anche l’isola a fare bagni nelle varie spiagge visto che la tempertura sfiora i 40°C. cena in barca con souvlaki, pomodori e ricotta fresca condita con olio di Messolonghi !

Notte a domire in coperta !

Category: Senza categoria  Comments off

Salpati alle 08.00 da Lakki facciamo rotta su Patmos, distanza circa 19 miglia. La nostra prima sosta sarà una rada a sud di Skala, Or. Groicu.
Navigazione all’inizio a motore perchè il vento è proprio sul naso (10-15 kn) poi, usciti dal ridosso di Leros, riusciamo a mettere le vele, fino a Patmos. Il luogo un pò affollato, ma assai gradevole. Circa 20 minuti dopo il nostro arrivo entra in rada anche Nello con Nirvana ed il loro HR42.
Mettiamo in acqua il tender e cominciano i saluti…..con tutti i ricordi e gli aneddoti di questi due ultimi anni in cui non ci siamo visti.
Poco dopo arriva anche un altro amico AdV ( SPROUTZ) e la banda si ingrandisce.
Tutti da noi per un aperitivo.
Pomeriggio ventosetto….diamo 50 m di catena perchè il fondo non è un meriviglioso tenitore (molte alghe) ed inoltre parte da circa 10m.
Penichella pomeridiana e scatenamento successivo con bagni e “ciattel” ( chiacchere) in acqua.
Nel frettempo ho anche aggiustato con Maurizio lo scalandrone che aveva dato ancora qualche problema. Tutto a posto !
Alle 19 tutti da Nello per aperitivo serale e….visto che il vento è bello gagliardo, decidiamo di non andare a mangiare a terra, ma ci fermiamo sull’H.R. con Nello che si esprime in una gustosissima “fagiolata”, innaffiata da bianco friulano e Ormeasco ligure; per concludere un tipico dolce friulano,La Cubana, innaffiata di grappa !
Ore 23 baci e saluti, domani si và per strade diverse, ma non è escluso che ci si reincontri in qualche isola del Dodecanneso.
Il vento si è un pò ridotto di intensità (15 kn) .
Tutti a nanna !

Category: Senza categoria  Comments off

Dopo una notte tranquilla in rada ci trasferiamo a Lakki, una grande rada già base della nostra flotta navale del dodecanneso nella 2° guerra mondiale; la cittadina è piena di edifici stile “ventennio”. Ormeggiati all’AGMAR Marina , 36 € per notte più corrente 5 € e H2O non potabile. Laviamo la barca, piena di sale e poi io faccio un salto a Parteni, dove è la sede del cantiere di rimessaggio, per prendere gli accordi per settembre.
Affittiamo altri due motorini e ci giriamo un pò l’isola che è veramente bella e con meravigliosi colori.
Alla sera ristorantino PETRIN,) sottola torre del l’orologio, dove mangiamo benissimo, in abbondanza, con il solito prerzzo( 15 € a testa).
Oggi abbiamo sentito Nello (DUFOUR per gli AdV), che naviga con la sua nuova barca( HR42) ; ci vedremo domani a Patmos.

Category: Senza categoria  Comments off

Uno dice, siccome questa notte il vento ha soffiato meno,anche se non ha mai smesso, e siccome questa mattina a Vathi non superava i 10 kn, e siccome uno non vuole controllare sul meteo cosa c’è fuori, si salpa alle 6.45….perchè al mattino presto il meltemi soffia meno !
Usciti dal fiordo in effetti il ridosso è ancora buono ed il mare piatto, anche se dalla costa scendono delle belle raffiche fino a 30 kn!. Per prudenza ,visto che la nostra rotta cambierà di circa 90° risaliamo a motore, poi si vedrà.
Appena messo il naso sulla rotta definitiva, ci troviamo 15 kn di vento contrario, e mare mosso, ma non tanto…..proseguiamo a motore fare bordi non mi sembra il caso !
Verso le 8.30 siamo a metà del percorso e il vento cresce fino a 25 kn; noi navighiamo a circa 1/2 miglio dalla costa con mare a questo punto decisamente formato, al mascone…..si balla che è un piacere e le onde di ritorno dalla costa ci fanno anche rollare parecchio. La barca si comporta assai bene anche se non possiamo issare le vele, ma la andatura non si può dire certamente confortevole.
Nicoletta comincia a soffrira e anche Maurizio da segni di …..
Siamo a 3 miglia dalla costa sud di Leros e decidiamo di rifugiarci ad Ormos XeroKambos, un rada abbastanza profonda e riparata dal mare…..non certo dal vento, che intanto ha raggiunto i 30 kn !
Finalmente a 2 miglia dall’arrivo il vento veiene da un angolo accettabile e possimo dare vela. Con un fazzoletto di randa ed un fazzolettino di genoa facciamo 7.5 kn !
Pasando tra due isolette a sud di leros il mare si quieta e entriamo in rada.
Ci sono delle boe su corpo moroi e noi ne acchiappiamo una….non senza qualche imprecazione,perchè prua non mi comunica bene la posizione della boa e io peraltro dal pozzetto non la vedo….alla fine siamo ormeggiati.
In rada ci sono una decina di barche alle boe e il vento soffia fisso tra i 20 e i 30 kn….ma rispetto a “fuori!” è un paradiso.
Per riconciliarci con la vita ci tuffiamo in mare….freddino per la verità….ma tutto lo stress passa.
Il luogo è assai gradevole.
Sulla collina a NE ci sono le rovine di un “castello” (palaiokastro) del 6°sec. A.C.; sulla collina a Nuina bellissima chiesetta ( molto illuminata alla sera), bella spiaggia e piccolo paesino con qualche ristorntino sul mare….luogo tranquilissimo !
Frugale pranzetto, riposino pomeridiano….cenetta serale ….sempre con vento che forse è un pò diminuito( meno raffiche), ma si mantiene gagliardo !
Stanchi….Notte !

Category: Senza categoria  Comments off

Notte ventosa, avevamo intenzione di spostarci a Leros, ma abbiamo visto un pescatore che appena salpato, arrivato alla fine del fiordo ha girato ed è rientrato al sicuro ! Evidentemente fuori c’è mare. Stiamo qui !!
Il vento soffia discretamente a raffiche e il meteo parla di Beaufort 6. Purtroppo qui non arriva il segnale Navtex.
Bagno nella piscina naturale vicina al l’ormeggio e relax in barca. Nel pomeriggio facciamo modesta spesa( tanto qui non c’è poco o nulla da comperare !) e soprattutto ci procuriamo della ricotta fresca.
Verso le 19, una sventagliata particolarmente arzilla fà sbattere lo scalandronecontro la banchina e si rompe il tubo che lo fissa alla barca !! Disdetta… è alluminio e nessuno qui lo può saldare.
Sviluppiamo l’ingegno e con un pezzo di acciaio trovato tra i ferri e 4 rivetti risistemiamo più che onorevolmente il danno !
Serata al ristorante Gulini dalla amica “Poppi”, mangiato benissimo speso 12 € a testa !
Si va a nanna sperando di poterci muovere domani.

Category: Senza categoria  Comments off

Sveglia alle 7 e si salpa verso le 8 per Kalimos. Con Mauriio e Nicoletta percorreremo le isole greche, a risalire, fino a Samos. Meltemi purtroppo contrario . Usciti da Kos lo troviamo già sul naso che soffia sui 15/20 kn e risalire è una mezza agonia;oltretutto Nicoletta soffre un pò la situazione….alle 10.45 entriamo nel fiordo di Vathi e ormeggiamo ( ben tre tentativi !!) in banchina con un gagliardo vento laterale. L’ancora tiene, ma per sicurezza metto anche un traversino sopravento. In porto ci sono solo 2 barche ovviamente compreso Patchouli. Bagni , riposino e nel pomeriggio acquisto di spettacolare ricotta e vari alimenti locali da “Popi” una sipatica ragazza con nonno italiano che gestisce con la sua numerosa famiglia un ristorantino conannesso alberghetto, l’unico della cittadina.Al ritorno troviamo un’altra barca italiana con due giovani(Massimo e Marisa) che hano un divig in mar rosso e che ci invitano per un aperitivo sulla loro barca.
Sera a cena nel ristorantino del porto, ottimi piatti 15 € a testa !.
Domani forse andremo a Leros…..le pèrevisioni pe 2 o 3 giorni sono di un meltemi bello arzillo ! Vedremo.

Category: Senza categoria  Comments off
06
Lug

Alle 05.30 il taxi preleva Giovani e Maria. Noi cominciamo le pulizie della barca e i lavaggi di lenziola e asciugamani. La lavatrice sforna e stendiamo il tutto al tenue sole del mattino. Alle 8.340 è tuto asciuto e possiamo salpare per Kos. Moderato vento da NW ci permette di veleggiare soft fino al’isola greca. Chiamato il Marina di Kos che dichiara il tutto esaurito( sono pieni di barche charter !). Ci dirigiamo verso il castello dei Cavalieri di Malta, dietro al quale si apre ilvecchio porto di Kos. Ci sono molti posti liberi e noi ormeggiamo all’ancora di poppa ( con H2O e corrente 36 €). Nel pomeriggio facciamo un giro delle antichità della città, compreso il Platano dover Ippocrete(???) avrebbe impartitole sue lezioni. Poiper non camminare troppo cisiamo fatti anche un giro della città con un trenino turistico ! Troviasmo un mercato (Agorà) dove incredibilmente vendono acqua gassata….ne faccio incetta, utilizzando il mio fido carrellino. Alle 20.30 arrivano Maurizio e Nicoletta, due AdV, con cui passeremo i prossimi 15 giorni.
Notte

Category: Senza categoria  Comments off
05
Lug

Salpiamo presto da Karaada verso Bodrum e percorriamo la costa NE. Dovrebbero esserci delle terme con soffioni e fancghi, ma moi troviamo solo degli edifici in rovina e nessuna possibilità di approdo, per cui dirigiamo verso il Marina di Bodrum.
Facciamo gasolio all’ingresso ( 1.520 € al litro) e quindi, avendo prenotato, ormeggiamo al pontile C, con assistenza del personale, anche perchè i pontili sono veramente vicini !
Pratiche di segretaria un pò menose,costi esorbitanti, tutto da pagare in più, acqua, energia, wifi !!!
Di fronte a noi un gentile signore turco, che parla italiano, ci aiuta a programmare la colonnina dei servizi e iniziano, lavaggio approfondito della barca, imbarco di 600 l di acqua( opportunamente filtrata perchè dal rubinetto esce un bel puzzo di cloro !) e docce a volontà p0er superare la calura .
Nel pomeriggio visita della città con spese pazze nel bazar e cena con mega kebab !
Giovanni e Maria si preparano; taxi per l’aeroporto alle 05.30 di domani !
Notte a tutti

Category: Senza categoria  Comments off

Il vento ha soffiato benino tutta la notte e anche la risacca si è fatta sentire…..ma abbiamo dormito bene ugualmente.
Si salpa per avvicinarci a Bodrum da cui Giovanni e Maria dovranno partire per l’Italia.
Scegliosmo l’isola di Karaada dove ci ancoriamo dopo una smotorata alle 10.30.
End Bay, l’ancoraggio, è molto bello ,con due spiaggette di ghiaino, visitate da asini selvatici de acque turchesi.
Come al solito unico inconveniente sono i numerosi barconi di turisti che fanno va e vieni fino alle 18.; dopo la rada ridiventa tranquilla. Ci sono solo tre barche più la nostra.
Con il vento che soffia fuori, entra un pò di onda che per sfortuna abbiamo al traverso….si rolla…..
Questo è un ancoraggio da “bagno”, io per la notte non ci tornerei più !!
Gli asini ragliano durante la notte !!

Category: Senza categoria  Comments off